Nel 2022 anche i professionisti potranno ammalarsi

Approvato l’emendamento a tutela della malattia e dell’infortunio del professionista. La misura sarà introdotta dalla Legge di Bilancio 2022 e si tratta di un risultato storico per i liberi professionisti, ai quali sarà finalmente riconosciuto il diritto ad ammalarsi.

Leggi tutto »

Bufale scolastiche

La presenza di “classi pollaio”, l’alta percentuale di insegnanti precari, le scarse risorse destinate ai salari dei professori: sono davvero solo questi i problemi della scuola italiana?
I risultati degli studenti negli altri stati europei sembrano smentire la correlazione tra classi numerose e apprendimento, come anche sembrano suggerire che i miglioramenti più ampi e sicuri nella performance degli studenti avvengono quando i compensi degli insegnanti dipendono dall’impegno e dai risultati, premiando il merito.
Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »

Quasi uguali

La scuola italiana non garantisce agli studenti una qualità dell’istruzione sufficientemente omogenea.

È quanto emerge dai risultati delle prove INVALSI e dei test PISA, che oltre ad evidenziare un netto divario territoriale tra nord e sud individuano delle differenze importanti tra licei e istituti professionali.

Il sistema scolastico italiano, pur essendo pubblico e in gran parte centralizzato, risulta incapace di garantire un’istruzione di qualità a tutti e di fatto impedisce il raggiungimento di una vera uguaglianza di opportunità per ogni giovane, inceppando l’ascensore sociale.

Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »

Giovani, prestiamo attenzione quando in tv si parla di acciaio

Il futuro del nostro Paese passa per le solite riforme strutturali, ma dovremmo prestare attenzione e avere sensibilità anche verso le vicende legate alla produzione di acciaio nel nostro Paese, perché incidono fortemente sulla nostra credibilità e sul nostro futuro. L’appello è quello di non polarizzarsi per partito preso, ma di essere razionali anche nei temi che tendono ad essere bistrattati dai principali media.

Leggi tutto »

Le fondamenta del declino: la scuola italiana

La scuola italiana è adeguata a fornirci gli strumenti per diventare cittadini responsabili? Fa abbastanza per garantirci un lavoro che ci permetta di vivere? È idonea a formare, che ci piaccia o no, la classe dirigente del futuro?

La maggior parte di noi è convinta di no. I problemi da risolvere sarebbero tanti e diversi, a partire dall’organizzazione delle materie così rigida e antiquata, fino all’abbattimento di un sistema ingessato che non premia il merito.

Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »

Franceschini ter: la cultura non se lo merita

Il nuovo “Ministro della Cultura” non è niente di meno che il solito Dario Franceschini. In questo terzo mandato prenderà finalmente in considerazione le reali priorità del settore o continuerà a fare del ministero il suo dominio personale?

Leggi tutto »

Più lette

Rimani aggiornato con
la nostra Newsletter

Focus

Bufale scolastiche

La presenza di “classi pollaio”, l’alta percentuale di insegnanti precari, le scarse risorse destinate ai salari dei professori: sono davvero solo questi i problemi della scuola italiana?
I risultati degli studenti negli altri stati europei sembrano smentire la correlazione tra classi numerose e apprendimento, come anche sembrano suggerire che i miglioramenti più ampi e sicuri nella performance degli studenti avvengono quando i compensi degli insegnanti dipendono dall’impegno e dai risultati, premiando il merito.
Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »
Focus

Quasi uguali

La scuola italiana non garantisce agli studenti una qualità dell’istruzione sufficientemente omogenea.

È quanto emerge dai risultati delle prove INVALSI e dei test PISA, che oltre ad evidenziare un netto divario territoriale tra nord e sud individuano delle differenze importanti tra licei e istituti professionali.

Il sistema scolastico italiano, pur essendo pubblico e in gran parte centralizzato, risulta incapace di garantire un’istruzione di qualità a tutti e di fatto impedisce il raggiungimento di una vera uguaglianza di opportunità per ogni giovane, inceppando l’ascensore sociale.

Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »
Focus

Giovani, prestiamo attenzione quando in tv si parla di acciaio

Il futuro del nostro Paese passa per le solite riforme strutturali, ma dovremmo prestare attenzione e avere sensibilità anche verso le vicende legate alla produzione di acciaio nel nostro Paese, perché incidono fortemente sulla nostra credibilità e sul nostro futuro. L’appello è quello di non polarizzarsi per partito preso, ma di essere razionali anche nei temi che tendono ad essere bistrattati dai principali media.

Leggi tutto »
Focus

Le fondamenta del declino: la scuola italiana

La scuola italiana è adeguata a fornirci gli strumenti per diventare cittadini responsabili? Fa abbastanza per garantirci un lavoro che ci permetta di vivere? È idonea a formare, che ci piaccia o no, la classe dirigente del futuro?

La maggior parte di noi è convinta di no. I problemi da risolvere sarebbero tanti e diversi, a partire dall’organizzazione delle materie così rigida e antiquata, fino all’abbattimento di un sistema ingessato che non premia il merito.

Ricondividiamo questo interessante articolo di VersoDomani, realtà che si impegna proprio come noi a smuovere le cose in tutela dei giovani.

Leggi tutto »
Attualità

Franceschini ter: la cultura non se lo merita

Il nuovo “Ministro della Cultura” non è niente di meno che il solito Dario Franceschini. In questo terzo mandato prenderà finalmente in considerazione le reali priorità del settore o continuerà a fare del ministero il suo dominio personale?

Leggi tutto »

Più lette

Rimani aggiornato con
la nostra Newsletter